Mitsubishi A6M3/A6M3a Zero COD: 60785

Tamiya 60785 1/72 Mitsubishi A6M3/A6M3a Zero Fighter Model 22 (Zeke)

16,50 €
nel carrello
  • esaurito
CR.32 ''Chirri'' COD: 1322

1322 - scala 1 : 72

 

CR.32 ''Chirri''

16,00 €
nel carrello
  • esaurito
Mitsubishi A6M2b (ZEKE) COD: 60780

1/72 Mitsubishi A6M2b (ZEKE) - Z

Specifiche e caratteristiche
kit di montaggio in plastica scala 1/72.
Nuovi utensili per ala, la fusoliera e cappottature di motore.
Ala è raffigurato in posizione estesa solo.
Cappottature di motore monoblocco tramite slide processo produttivo di stampaggio.
Pozzi dettagliate cockpit e carrello d'atterraggio.
Viene fornito con 3 opzioni di marcatura decal per rappresentare il velivolo che ha preso parte il pisello

ero Fighter

23,00 €
nel carrello
  • disponibile
  • spedizione in 1-3 giorni1
Gotha GO 242/244 COD: 111

Gotha GO 242/244

OLTRE AL KIT DEL "GOTHA GO 242/244" NELLA STESSA SCATOLA TROVERETE  ANCHE IL KIT DEL "KFZ.1 TYP 82 KÜBELWAGEN"!

Il modello del kit GOTHA GO 242/244 è riprodotto nella scatola e con le stampate originali della prima versione del 1974. L’ologramma include il numero progressivo attribuito a ciascuna scatola a garanzia dell’edizione limitata.
Durante la seconda guerra mondiale la Gothaer Waggonfabik fu occupata in prevalenza nella costruzione di velivoli progettati da altre case aeronautiche. Una delle poche relizzazioni effettuate in tale periodo e' il Gotha GO. 242. capace aliante da carico misto caratterizzato dalla struttura per quei tempi rivoluzionaria, a doppio trave di coda. Dalla stessa cellula, mediante l'aggiunta di due motori, Venne ottenuta la versione GO 244 destinata al carico ed al trasporto delle truppe. L'aliante GO. 242 nelle sue versioni piu' note A-1 e B-1 differenziate negli organi di atterramento, veniva trainato in volo dallo Junkers Ju.52/3m e dallo Heinkel He.111-Z derivato dall'unione di due He.111. Entrambi i tipi GO. 242 e GO. 244 vennero inpiegati sui fronti Africa, Russia ed in Europa nelle scuole per l'addestramento.

 

24,00 €
nel carrello
  • esaurito
Hawk T.Mk.1 ''Red Arrows'' COD: 2677

Hawk T.Mk.1 ''Red Arrows''

L’Hawk T Mk 1 viene sviluppato dalla Hawker Siddeley, oggi assorbita nella BAE Systems, per equipaggiare i reparti di addestramento della Royal Air Force nella seconda metà degli anni ’70. Dal 1980, grazie alle sue doti prestazionali esaltate dal motore Rolls Royce Adour e grazie ad un’incredibile manovrabilità, l’Hawk è impiegato dalla pattuglia acrobatica della R.A.F. “Red Arrows”. L’aereo è il medesimo dei reparti di addestramento della Royal Air Force con una meccanica ulteriormente migliorata per fornire tempi di risposta dei comandi ancora più rapidi. Sono stati inoltre inseriti dei generatori di fumo utilizzati durante le esibizioni e le manifestazioni aeree che permettono 5 minuti di fumo bianco, 1 minuto di fumo rosso e 1 minuto di fumo blu. Dalla data di creazione, avvenuta nel 1965, le “Red Arrows” hanno partecipato a più di 4.000 manifestazioni in 52 Paesi divenendo tra le pattuglie acrobatiche più famose del Mondo.

Decals per una versione 1/48

31,00 €
nel carrello
  • disponibile
  • spedizione in 1-3 giorni1
MC.200 SAETTA COD: 2676

MC.200 SAETTA

Il Macchi Mc 200, progettato dal celebre ingegnere Mario Castoldi, ha rappresentato una significativa evoluzione nella produzione degli aerei da caccia italiani. Rispetto ai biplani Fiat CR 32 e Fiat CR 42 che costituivano ancora, all’inizio delle Seconda Guerra Mondiale,  l’ossatura dei reparti da caccia Italiani, il Macchi Mc 200 si caratterizzava, assieme al suo contemporaneo Fiat G50,  per una configurazione monoplana e per la struttura interamente in metallo. Il motore radiale a 14 cilindri Fiat A.74 RC 38 a doppia stella poteva erogare una potenza di 840 Cavalli e far raggiungere al Macchi Mc 200 i 500 Km/h. Rispetto ai corrispondenti caccia alleati il Macchi Mc 200 risultava però poco potente e, soprattutto, poco armato. L'armamento era costituito da due sole mitragliatrici Breda-SAFAT  da 12,7 mm montate sopra la caratteristica cappottatura bugnata del motore. Nelle ultime versioni furono aggiunte due mitragliatrici Breda-SAFAT da 7,7 mm nelle ali. E’stato impiegato dalla Regia Aeronautica sui principali fronti della Seconda Guerra Mondial in Africa, sul Mediterraneo, nei Balcani e in Russia.

Decals per una versione

Italy 1935-1943

 

31,00 €
nel carrello
  • esaurito
F-104 G “RECCE” COD: 1296

F-104 G “RECCE”

Il Lockheed F-104 Starfighter è uno tra i più famosi caccia della Storia dell’aviazione ed è anche uno tra i più longevi con una vita operativa iniziata alla fine degli anni ’50 e conclusasi, per alcune aviazioni militari, alla metà degli anni 2000. Aereo unico per struttura aerodinamica con la fusoliera allungata e le superfici alari estremamente ridotte. La sua struttura lo rendeva ideale come caccia intercettore in grado di superare, grazie alla spinta del motore turbogetto General Electric J79, Mach 2,2 con una straordinaria velocità di salita in quota. Era però poco manovrabile e difficile da pilotare. L’F-104G Starfighter fu prodotto su licenza da diverse industrie aeronautiche Europee. E’ diventato, a partire dalla metà degli anni ’60, il caccia intercettore di riferimento di molti Paesi NATO tra cui l’Italia, la Germania, l’Olanda, la Grecia e la Turchia. L’armamento era sostanzialmente quello delle versioni originali con un cannone Vulcan da 20 mm. e la possibilità di trasportare sotto le ali missili aria-aria, bombe, o serbatoi supplementari per aumentarne l’autonomia di volo. Al tradizionale compito di caccia intercettore si è affiancato anche quello di ricognitore. L’F-104G è stato così dotato di un pod esterno dedicato da ricognizione “Orpheus” che forniva ottimi risultati operativi.

Decals per 3 versioni 1/72

Germany

 

12,00 €
nel carrello
  • esaurito
C-119G FLYING BOXCAR COD: 146

C-119G FLYING BOXCAR

 

Nel 1941 la Fairchild Aircraft Company iniziò lo sviluppo di un aereo cargo e trasporto truppe. Il primo volo del prototipo avvenne il 10 settembre 1944. Circa 1100esemplari vennero realizzati sino al 1955.  L'aereo venne adottato dalle aviazioni degli Stati Uniti, Italia, India, Belgio, Taiwan e numerosi altri paesi. Il C-119 Flying Boxcar è stato sostituito gradualmente dal C-130 Hercules.

 

Decals per 4 versioni

 

32,00 €
nel carrello
  • esaurito
Apollo 11 Lunar Landing COD: 11002

Dragon 11002 Apollo 11 Lunar Landing CSM Columbia LM Eagle 1:72 Scale

50,00 €
nel carrello
  • esaurito
Albatros D.V COD: 04684

Revell 04684 Albatros D.V 1/48

 

17,00 €
nel carrello
  • esaurito
SPAD XIII LATE COD: 04657

REVELL 1/48 SCALE SPAD XIII LATE VERSION WWI PLASTIC MODEL PLANE KIT BNIB

 

16,00 €
nel carrello
  • esaurito
EA-18G Growler COD: 2716

STAMPI MIGLIORATI - SUPER DECAL

Il Boeing E/A-18 G Growler è nato per soddisfare una precisa necessità della U.S. Navy: disporre di un aereo specializzato per la guerra elettronica destinato a sostituire gli ormai datati, sia per avionica che per prestazioni, Grumman EA-6B Prowler. Il Growler è direttamente derivato dal caccia biposto imbarcato F/A-18 F Super Hornet di cui conserva sostanzialmente tutte le caratteristiche aerodinamiche. I due motori General Electric garantiscono al Growler una velocità massima di mach 1.8 e prestazioni in linea con gli aerei a cui deve garantire il supporto. L’equipaggio è costituito dal pilota e, in tandem, dal WSO (Weapon System Officer). A differenza del F/A-18 non è dotato del cannone ma è in grado di trasportare nei suoi piloni subalari pod per il disturbo radar e per la guerra elettronica, serbatoi supplementari, chaff e flare dispenser nonché missili AIM-120 AMRAAM.

 

Decals per 4 versioni

USA

 

26,00 €
nel carrello
  • esaurito
F-86F Sabre Jet ''Skyblazers'' COD: 2503

 SUPER DECAL 5 VERSIONI

La pattuglia acrobatica dell'aviazione americana denominata “Skyblazers” venne formata nel 1949 da piloti selezionati del 36° Stormo sulla base di Furstenfeldbruck, in Germania, allo scopo di dimostrare la presenza militare degli Stati Uniti per la difesa dell'Europa occidentale in quel periodo di dura contrapposizione con l'Unione Sovietica. Inizialmente la pattuglia, formata da quattro velivoli, si esibì con l'F-80 e appena il reparto d'origine ricevette i più prestanti F-84E Thunderjet passò immediatamente al nuovo aereo, con il quale si esibì in 260 manifestazioni aeree in circa tre anni, visitando 12 paesi europei. Nel corso del 1953 il reparto venne trasferito sotto il comando del 48° Stormo, basato in Francia e ricevette in dotazione l'F-86 F Sabre.Con questo aereo, gli “Skyblazers” rappresentarono l'America sino al 1962, quando il reparto, nel frattempo trasferitosi sulla base di Bitburg in Germania, venne sciolto perchè venne meno la necessità di una formazione di rappresentanza specifica basata in Europa. All'inizio degli anni '60 la tecnica del rifornimento in volo divenne una procedura standard per gli aerei americani, quindi era possibile dagli Stati Uniti raggiungere qualsiasi luogo nel mondo senza scali intermedi. Di conseguenza la pattuglia acrobatica dei “Thunderbirds” formata in America negli anni '50 divenne la sola formazione ufficiale di rappresentanza dell'aviazione americana. 

 

Decals per 5 versioni

Italy

United Kingdom

USA

 

50,00 €
nel carrello
  • esaurito
MB 326K Impala COD: 2710

MB 326K Impala

 

SUPER DECAL

 Il Macchi MB-326 venne sviluppato, durante gli anni ’50, per equipaggiare i reparti addestrativi dell’Aeronautica Militare Italiana. I primi esemplari del nuovo addestratore biposto ad ala bassa della Macchi vennero consegnati nel 1961 e si dimostrò, da subito, un ottimo aereo. Caratterizzato da due prese d’aria alle radici delle ali venne equipaggiato con il motore a reazione inglese Bristol Siddley Viper. Ottenne inoltre un buon successo commerciale e venne venduto in più di 10 Paesi.  Venne successivamente sviluppata, e destinata prevalentemente all’esportazione, una versione armata monoposto da supporto al suolo e da attacco. Nacque quindi l’MB-326 K, con motore potenziato ed in grado di trasportare, nei travetti subalari, 1.800 Kg di armamento offensivo. L’MB-326 K venne inoltre prodotto su licenza dalla Sudafricana Atlas Aircraft Corporation con il nome di progetto “Impala”.

 

Decals per 6 versioni

Brazil

Emirati Arabi

Italy

Sud Africa

 

26,00 €
nel carrello
  • disponibile
  • spedizione in 1-3 giorni1
F-84 G Thunderjet COD: 1321

-84 G Thunderjet

SUPER DECAL

L’F-84 Thunderjet venne sviluppato nell’immediato dopoguerra dall’azienda statunitense Republic che aveva la necessità di offrire all’USAF un nuovo progetto di un cacciabombardiere a reazione. La struttura aerodinamica era semplice ma molto efficace e robusta con una grossa presa d’aria circolare frontale, le ali diritte ed il carrello d’atterraggio a triciclo anteriore. Il motore General Electric/Allison J35 permetteva all’F-84 di raggiungere i 1.000 Km/h. L’F-84G, entrato in produzione nel 1951,  costituisce una delle ultime versioni del caccia-bombardiere della Republic. Oltre che dall’USAF venne impiegato da molti Paesi Nato all’interno del programma “Mutual Defense Assistance”.  Dal 1952 equipaggiò diversi reparti caccia dell’Aeronautica Militare Italiana. Era armato con 6 mitragliatrici da 12,7 mm. e poteva trasportare un carico offensivo di quasi 900 Kg.

Decals per 4 versioni

France

Italy

USA

 

13,00 €
nel carrello
  • esaurito
Caproni. CA.311 COD: 113

Caproni. CA.311

Il modello del kit CAPRONI CA.311 è riprodotto nella scatola e con le stampate originali della prima versione del 1975. L’ologramma include il numero progressivo attribuito a ciascuna scatola a garanzia dell’edizione limitata.
Con questo bimotore della Caproni , l'Aereonautica Italiana sostituì gli antiquati biplani da ricognizione con un mezzo più moderno  e adeguato alle nuove esigenze della guerra aerea. Bimotore monopiano triposto, il Ca 311 operò nel 1940 - 43 in Africa, nei Balcani e in Russia come aereo da ricognizione e d'assalto. Esso ha anche visto l'impiego presso aereonautiche straniere quali quella Iugoslava e Croata. il ca 311 terminò la sua carriera come aereo da scuola in Italia e Germania

 

24,00 €
nel carrello
  • esaurito
Ju 87 D-5 Stuka COD: 2709

NUOVI STAMPI - SUPER DECAL - FOTOINCISO - MOTORE MOLTO DETTAGLIATO

Il bombardiere in picchiata JU-87 è sicuramente uno degli aerei del secondo conflitto mondiale più noti. Questo caratteristico velivolo dall’ala a “gabbiano” conquistò grande fama all’inizio della guerra in una situazione di generale superiorità dell’aviazione tedesca; con il progredire del conflitto mostrò tutti i suoi limiti e venne confinato al ruolo dell’appoggio alle truppe nel quale grazie alla notevole robustezza della cellula si dimostrò adeguato, particolarmente sul fronte orientale. Nell’ultima fase della guerra lo Stuka venne utilizzato anche come bombardiere notturno utilizzando al meglio le qualità dei suoi equipaggi in una situazione di inferiorità tecnica e numerica assoluta.

 

 

 

35,00 €
nel carrello
  • esaurito
ARADO AR 196 A-3 COD: 2675

2675 - scala 1 : 48

ARADO AR 196 A-3

 

ARADO AR 196 A-3

 

L’Arado Ar 196 è stato il principale idrovolante da ricognizione imbarcato utilizzato dalla Kriegsmarine durante la Seconda Guerra Mondiale. Monoplano monomotore ad ala bassa ospitava 2 membri di equipaggio disposti, all’interno dell’abitacolo, in tandem : il pilota e l’osservatore-mitragliere. L’Arado Ar 196 era un velivolo molto moderno per il periodo. Il motore radiale BMW 132 a 9 cilindri erogava una potenza di 960 cavalli. La struttura dell’Arado era ottimizzata per l’impiego a bordo delle principali navi da battaglia e degli incrociatori della marina da guerra tedesca. Poteva infatti essere lanciato dalle catapulte delle navi ed aveva le ali incernierate con la fusoliera in modo da ripiegarle all’indietro per un migliore ricovero a bordo. Sebbene l’Arado Ar 196 divenne famoso come ricognitore imbarcato (gli incrociatori da battaglia Scharnhost e Gneisenau ne avevano a bordo tre mentre la più famosa nave della Kriegsmarine, la Bismarck, disponeva di ben 4 Arado Ar 196) venne utilizzato anche negli idroscali con il ruolo di pattugliatore costiero.

 

Decals per 3 versioni

Germany aux.cruisers WWII

Germany aux.cruisers WWII

 

33,00 €
nel carrello
  • esaurito
JU-87 B2 STUKA COD: 2690

2690 - scala 1 : 48

JU-87 B2 STUKA

 

JU-87 B2 STUKA

Lo Junkers Ju 87 Stuka era un biposto da bombardamento in picchiata e attacco al suolo. Progettato da Hermann Pohlmann, lo Ju 87volò la prima volta nel 1935 e fece il suo debutto operativo nel 1936 con la Legione condor, durante la Guerra Civile Spagnola. L’aereo era facilmente riconoscibile dalla sua ala a gabbiano invertito, i carrelli fissi e le sue sirene “lagnose”. Il progetto dello Stuka includeva molte innovazioni, compreso il sistema automatico di richiamata dalla picchiata che permetteva al pilota di controllare l’aereo anche se era rimasto annebbiato dall’accellerazione. Nonostante fosse robusto, preciso ed efficace, lo Ju 87 era vulnerabile agli aerei da caccia moderni, come tutti gli altri bombardieri in picchiata della Guerra. Lo Ju 87 era un monomotore monoplano con ala a sbalzo a struttura interamente metallica. Il materiale usato era principalmente il duralluminio. L’ala presentava la sua caratteristica più originale con un tronco centrale e due semiali esterne, con un diedro negativo la prima e positivo le seconde. Questo creava il caratteristico andamento alare dello Stuka.

Decals per una versione

Germany WWII

 

32,00 €
nel carrello
  • esaurito

INDIETRO                                                             AVANTI

VISITA IL NOSTRO CANALE
VISITA IL NOSTRO CANALE